cuore1
Il corso di guarigione si è concluso la scorsa domenica 15 dicembre e.... fioccano le testimonianze che, come sempre, sono un invito a desiderare di percorrere insieme ai fratelli un pezzo di strada per andare da Gesù. Anzi, visto che il Natale è alle porte, speriamo che questo corso abbia consentito l'inizio di una guarigione del cuore che lo abbia reso in ciascuno più grande e più libero per accogliere la pace di Gesù che viene.

Tanta preghiera ha preceduto, accompagnato e... sta seguendo il corso.

"Pregherò per te"....una parola che renede il fratello più vicino a me di quanto lo sia io stesso, perché è tra Dio e me. (Gustave Thibon).

Ebbene, questa preghiera di intercessione continui a tessere relazioni di fraternità e di comunione, affinché possiamo esssere un sol corpo, un solo spirito, pronti ad accogliere Gesù che viene nella carne.

Sì, accogliamo Gesù che viene per amore, e viene nella carne per intercedere, fino alla fine, per me, per te, per ogni figlio e fratello presso il Padre.

In comunione, buon Natale

GI 2013 Locandina-page-001La Parrocchia ripropone il corso Guarigione Interiore che, a distanza di un decennio dalla prima efficace
esperienza del 2002, rimane una occasione privilegiata per fare esperienza dell'amore di Dio. In verità, tutte i corsi della Scuola di evangelizzazione sono strumenti per ricordare a noi stessi, e farne esperienza concreta, che Dio
ci ama personalmente e incondizionatamente. Ma il Corso di Guarigione - che
tecnicamente non rientra nella SESA - va oltre. Nell'aprile 2012 ne abbiamo già
parlato, riducendo il nostro invito all'essenziale Vieni e vedi!

Non spenderemo molte più parole se non per condividere l'importanza di un percorso che, nella libertà e nella
semplicità, senza pretese dottrinali e illusioni psicologiche, ma solo con
un'unica potente "arma" - la preghiera - si offre come possibilità da
cogliere per camminare verso la fonte della vera gioia.

Per dirla con le parole del monaco benedettino frael MichaelDavide Semeraro, la preghiera non consiste nelle belle parole o nei bei sentimenti ma nella capacità di perseverare nelle battaglie della vita anche quando ci sentiamo terribilmente soli... E Dio sarà al nostro fianco senza mai sostituirsi a noi, al fine di permetterci di gustare l'onore del combattere e
la gioia di vincere.

Coraggio, allora! Se combattiamo le nostre paure e angosce, se desideriamo guarire e,
come per il lebbroso samaritano, vedere la guarigione come strumento (e non
fine) per la salvezza, cominciamo a ringraziare il Signore per la possibilità
che ci dona, attraverso la comunità, di vivere questa esperienza.

In comunione

 

Riportiamo di seguito la testimonianza di una sorella che ha partecipato già al corso. Facciamo tesoro
delle luci e delle ombre, consapevoli che il Signore viene proprio ad
illuminare quanto è più profondo di noi stessi a noi stessi, al fine di rendere la nostra vita una luce che riflette la
LUCE  di Dio.

 

"Ho partecipato al Corso Guarigione Interiore alcuni anni fa.
Avevo intrapreso il mio cammino di conversione da qualche tempo, ma molti nodi
erano e sono ancora da sciogliere.

Non rimasi folgorata come altri; il Signore conosce i miei tempi e sa
dove e come agire per me, lasciandomi sempre la libertà di seguirlo.

Questo aspetto, che ho elaborato in seguito, dell'amore infinito che
Egli ha per me, è anche la chiave per comprendere i miei fallimenti. È un fatto
sconvolgente a pensarci bene, e sulle prime paradossale. Ma è proprio in virtù
del Suo amore che Dio ci aspetta. Perché il cammino che ci conduce a lui è esso
stesso guarigione e il Signore desidera che lo compiamo nella verità della
nostra vita, senza mascheramenti o scorciatoie. Tutto passa attraverso il Suo
setaccio misericordioso.

I semi ricevuti in occasione del corso, alcuni inaspettati, hanno dato
vita ad altrettanto inaspettati frutti. Il più grande è aver intravisto la
chiave della salvezza: mettere al centro della nostra vita Gesù, Unico Signore:
una frase ascoltata tante volte, ma senza saperle dare il giusto senso per me. Ho
toccato con mano che solamente se lasciamo a Lui, Amore caritatevole e
incondizionato, il centro gravitazionale della nostra esistenza, siamo davvero
persone, siamo in cammino. Ho compreso che l'egocentrismo è frutto di ferite
che conducono alla fragilità e alla debolezza, ma anche a compiere il male, che
è il suo immediato rovescio, e che la nostra sofferenza può prevalere su Dio
stesso, intrappolandoci e lasciandoci fuori della vera vita. (N. M.)


Vacanza Parrocchiali 201331 agosto 2013

 

In un momento buio della mia vita (confusione, solitudine, incertezze) ho incontrato per caso – mi correggo -
"per un disegno preciso", che in quel pomeriggio più triste del solito non
avevo individuato, Suor Maria Elena che mi ha scrutato negli occhi e mi ha teso
la mano trovando un posto per me – a due giorni dalla partenza - per il Corso
Maria. Nel viaggio organizzato all'improvviso , ho vissuto una settimana in un
contesto sia della natura sia dell'amore fraterno che ha segnato profondamente
la mia vita.

Desidero precisare che sono – anche grazie a mia nonna – una credente convinta e mi sono sempre rivolta al Signore
nei momenti d'angoscia, fermamente certa che Lui mi ha aiutato sempre
(non sarei qui a parlarne serenamente).

La settimana delle vacanze parrocchiali è stata un "premio" per la mia fede: mi ha dato una sensazione
dimenticata, "una pace gioiosa e attiva".

La conoscenza approfondita di Maria (anche attraverso i nuovi fratelli più avanti di me nel cammino), mi ha
colmato della certezza che Ella non mi abbandonerà mai e mi sarà sempre vicina
nell'opera che suo figlio Gesù mi ha voluto affidare sulla terra. Grazie
Maria!! (V. F.)

vacanze parrocchialiEccoci alla prima testimonianza delle recenti vacanze parrocchiali, soltesi a Canale d'Agordo, nell'ambito delle quali è stato proposto il Corso Maria della SESA.

I resoconti, le impressioni, la gioia dei partecipanti ha cominciato subito a propagarsi per la comunità e quindi abbiamo iniziato a chiedere di condividere anche sul sito alcune testimonianze.

Ecco la prima e... pensiamo già alle prossime.

In comunione

 

Non è la prima volta che
partecipo alle vacanze Parrocchiali e tantomeno ad un corso della Scuola di Evangelizzazione
SESA ma entrambe le esperienze mi hanno donato forti emozioni e fatto scoprire
quanto il cuore sia sempre pronto a ricevere amore.

Vallate e vallate si sono aperte ai nostri
occhi, cime dai profili più disparati le coronano, abeti e prati verdissimi le
colorano. Le opere del Signore sono lì, a portata di mano, dono unico e
irripetibile. Abbiamo percorso sentieri e "respirato L'Amore di Dio", siamo
stati veramente una comunità in cammino, grandi piccoli, anziani , giovani e
bambini - chi più avanti, chi più indietro, chi fermo a riposare - ma tutti con
gli occhi pieni di meraviglia.

Maria, Maria, Madre di Cristo,
mai come in questo corso ti ho sentita così, vicina, così "Donna", così
consapevole di essere strumento di Dio e devota "Schiava", nel senso di scelta,
come ci ha spiegato don Luca, della volontà del Signore, dell'appartenere a
Lui.

Non è questa, in fondo, la nostra vitale
ricerca di vita: appartenere a qualcuno per poter donare e ricevere amore?

Grazie a tutti i partecipanti,
Grazie e Lode al Signore che ci ha così amorevolmente seguito e sorretto.
(A.
M.)

 

Chi è online

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online