IMG 2099Per l'appuntamento di "Un ANNO DI FUOCO", dove viviamo una serata di evangelizzazione e accoglienza a Trastevere, ci vediamo alla Chiesa di Sant'Agata a via della lungaretta VENERDI' 15 maggio alle ore 18,45.

Per partecipare ci si può iscrivere entro mercoledì 13 maggio, con la scheda che trovate vicino alla sacrestia e lasciarla nella cassetta di Un Anno di Fuoco.

La testimonianza di Daniela e Paolo:

"Come per le altre iniziative di accoglienza ed evangelizzazione di strada svolgere un servizio rivolto essenzialmente agli altri porta un'immensa gioia e la  pace del cuore che per noi è il dono più grande che il Signore può fare.

Daniela ed io ci siamo occupati principalmente del  ministero della musica e canto e della lettura della Parola di Dio. La prima volta che l'abbiamo fatto abbiamo inserito anche una frase di Papa Francesco che esorta a vivere sempre nella speranza, con fede amore e fiducia nel Signore. Noi siamo felici quando attraverso la musica e il canto riusciamo a trasmettere emozione. Crediamo fermamente che il canto e la musica diventano preghiera e lo Spirito Santo ci usa come strumenti che in quel momento danno conforto a chi entra in chiesa o è inginocchiato a rendere grazie a Gesù oppure si trova a chiedere perdono a Dio per i propri peccati. O a chiedere grazia per un problema grave, una malattia. Questa condizione l'abbiamo provata anche noi in prima persona, quando fai una preghiera nell'intimo del tuo cuore e chi canta o legge cita proprio le parole che vorresti sentire non puoi che dire: grazie Gesù so che mi ascolti e che sei con me!!!

Penso che però la testimonianza più forte sia quella che sto per scrivere ora...

Il mese scorso pur non essendo iscritti ai partecipanti di 1 anno di fuoco abbiamo sentito la necessità di essere li comunque ( con Alessio al seguito) e aprirci agli altri ministeri. Abbiamo pregato per tutte le persone che erano li e per le persone a noi care.

Abbiamo fatto accoglienza ed è stato bello accompagnare le persone da Gesù e ricevere da loro frasi belle e non banali.  Mentre eravamo in accoglienza Alessio accendeva i lumini insieme ad una suora e allora ho "approfittato ", glie ne ho fatto prendere uno, abbiamo scritto una preghierina firmata da lui e abbiamo chiesto a Gesù la sua guarigione.

Quando si evangelizza si rischia il 'no' categorico di alcune persone ma si riceve anche tanto.

Una persona che merita una citazione particolare è il parroco di Sant'Agata con il quale abbiamo stabilito un bel rapporto pur essendoci incontrati tre volte. Partecipare alla messa vespertina e scambiare qualche parola con lui ci ha dato come la sensazione di vivere un'estensione della comunità

Penso che non ci stancheremo mai di fare quest'esperienza!!!!!!"

Paolo e Daniela

 

Chi è online

Abbiamo 44 visitatori e nessun utente online